> TolkienFAQ

Tolkien FAQ
Le FAQ di it.fan.scrittori.tolkien
Versione 3.7 - 04/03/2004
A cura di Beleg (Leonardo) (beleg(at)inwind.it)
Distribuzione: ogni due settimane circa sui gruppi it.fan.scrittori.tolkien e it.faq
Disclaimer
Questo documento viene rilasciato secondo la licenza GNU Free Documentation License (FDL o copyleft) versione 1.1 della Free Software Foundation.
<http://www.gnu.org/copyleft/fdl.txt>[[BR]]Chiunque e’ autorizzato a distribuire copie elettroniche o cartacee del presente documento, allegarlo a raccolte, CD-ROM o programmi, a patto di citare la fonte da cui e’ stato tratto. Inoltre il presente documento puo’ essere liberamente modificato in ogni sua parte purche’ venga rilasciato secondo la medesima licenza e i nomi dei curatori della presente versione vengano rimossi. L'autore non si assume NESSUNA responsabilita’ per eventuali errori o inesattezze che possano essere presenti. Questo documento inoltre deve essere considerato frutto delle opinioni personali dell'autore e non un'enunciazione di dogmi assoluti.
Ringraziamenti (in ordine di apparizione):
Societa’ Tolkieniana Italiana <http://www.tolkien.it>[[BR]]Sauron (diconza(at)tin.it)
Fritz Tegularius (ziegelmacher(at)tin.it)
Ithilien (thuleluin(at)libero.it)
Norbert "Mandos" Spina (norbert.jrrt(at)flashnet.it)
Barliman Butterbur (rosamax(at)split.it)
Daniele Ercoli (tolkien_it(at)yahoo.it)
Il Numenoreano (numenore(at)immaginario.net)
Brodo Baggins (rukasan(at)tiscalinet.it)
Luca Polo (Luca.Polo(at)gest.unipd.it)
Tarabas (beowyf(at)libero.it)
Soronel (klompitone(at)katamail.com)
Marco Vega (vmarco(at)hotmail.com)
Thingol (elu.thingol(at)libero.it)
Verdefoglia (flagg61(at)libero.it)
Balin Snorrisson (hinagatamasami(at)yahoo.it)
Marco "Maidros" Messina (Maidros.the.Tall(at)bigfoot.com)
Erynvess (erynvess(at)yahoo.it)
Fatacri (fatacri(at)hotmail.com)
MagoGed (aragorn_83(at)hotmail.com)
Galahad (rule(at)libero.it)
Cirdan (atrus(at)despammed.com)
Ash & Nod (ashnod(at)libero.it)
Rosie Cotton (tandar(at)inwind.it)


SOMMARIO
O. INTRODUZIONE
0.1 - Cosa sono i newsgroup?
0.2 - Come si utilizzano i newsgroup?
0.3 - La metafora del bar.
0.4 - Cosa e’ una FAQ?
0.5 - Di cosa parla il newsgroup it.fan.scrittori.tolkien?
1. VITA E OPERE
1.1 - Chi e’ Tolkien?
1.2 - Che cosa ha scritto?
1.3 - Quali opere sono state tradotte in italiano?
1.4 - Quali sono le edizioni italiane?
1.5 - Quale e’ la cronologia delle opere?
1.6 - Si’, ma da dove posso cominciare a leggere Tolkien?
1.7 - Di cosa parla la "History of Middle-Earth"?
2. IL FILM
2.1 - Quando, da chi e dove sono stati girati i film su "Il Signore degli Anelli"?
2.2 - Quali versioni DVD e VHS esistono e quando usciranno?
2.3 - Dove posso trovare notizie, informazioni, foto, trailer ecc?
2.4 - Posso scrivere e discutere del film su questo newsgroup? Se no, dove posso farlo?
2.5 - E’ il primo film che fanno su "Il Signore degli Anelli"?
3. TOLKIEN E POLITICA
3.1 - Quali erano le convinzioni religiose e politiche di Tolkien?
3.2 - Come si poneva Tolkien nei confronti dei regimi politici passati e presenti?
3.3 - Le regioni della Terra di Mezzo sono paragonabili alle nazioni contemporanee?
3.4 - Tolkien in Italia e’ spesso stato indicato come un autore di Destra; perche’?
4. LINKS
4.1 - Esistono grammatiche e vocabolari delle lingue elfiche?
4.2 - Dove posso trovare immagini tratte dalle opere di Tolkien?
4.3 - Dove posso trovare mappe relative alle opere di Tolkien?
5. I FESTOSI
5.1 - Chi sono I FeSTosi?
5.2 - Come si fa a diventare FeSTosi?
5.3 - Cosa sono i numeri FeSTosi?
5.4 - I FeSTosi hanno un proprio sito "ufficiale"?
5.5 - Quali sono i contenuti del sito?
5.6 - Esiste una chat IRC deI FeSTosi?
6. QUESTIONI TOLKIENIANE
6.1 - A che razza appartiene Tom Bombadil?
6.2 - A che razza appartengono gli Orchi/Orchetti?
6.3 - L'Erba-pipa e’ comune tabacco oppure...?
6.4 - "Il Signore degli Anelli" e’ una trilogia?
6.5 - Quali sono le "due torri" che danno il titolo alla seconda parte?
6.6 - Che differenza c'e’, nelle opere tolkieniane, tra "Elfi" e "Gnomi"?
6.7 - Perche’ Frodo parte? Dove va?
7. ARGOMENTI VARI
7.1 - Dove posso trovare versioni "elettroniche" delle opere di Tolkien?
7.2 - Esiste un archivio degli articoli del newsgroup?

0. INTRODUZIONE
0.1 - Cosa sono i newsgroup?
Un newsgroup (o gruppo di discussione, o gruppo) e’ semplicemente una bacheca elettronica, dove ognuno puo’ affiggere ("postare") un messaggio ("articolo"), rispondere ad uno esistente, oppure... semplicemente leggere quello che scrivono gli altri! Il newsgroup it.fan.scrittori.tolkien e’ un newsgroup in lingua italiana, appartenente alla gerarchia it.*, coordinata dal Gruppo Coordinamento News (GCN)
<http://www.news.nic.it/news-it/>[[BR]]Torna al sommario
0.2 - Come si utilizzano i newsgroup?
Se state leggendo questa FAQ, e’ segno che il primo passo, cioe’ leggere gli articoli, l'avete gia’ fatto. Potete tranquillamente continuare a leggere soltanto ("lurkare" in gergo), oppure passare all'azione. Sul vostro programma esiste un tasto "nuovo" o qualcosa del genere, che consente di scrivere un nuovo articolo (in maniera simile alla posta elettronica); ci raccomandiamo di mettere l'"oggetto" in modo chiaro. Oppure, una volta selezionato un articolo esistente, utilizzando il tasto "rispondi al gruppo" o "follow-up" si potra’ scrivere una risposta all'articolo in questione, che apparira’ sul gruppo accanto all'articolo a cui si riferisce.
Non finisce qui. Usenet (= l'insieme dei newsgroup) e’ tutto sommato una comunita’, e come in ogni comunita’ ci sono delle convenzioni e delle regole: non conoscere le prime e non rispettare le seconde porta a creare disagio a se’ e agli altri. Sul gergo di Usenet potete guardare
<http://www.news.nic.it/news-it/docs/glossario.html>[[BR]]<http://www.bio.unipd.it/local/internet_docs/tla.html>[[BR]]mentre per gli smilies (cioe’ le faccine :-))
<http://www.rccr.cremona.it/tecnica/netiquette/faccine.html>[[BR]]Le regole di Usenet si chiamano Netiquette, e le potete trovare su
<http://www.inferentia.it/netiquette/>.[[BR]]Si tratta perlopiu’ di buon senso; riassumiamo comunque i punti fondamentali qua sotto.
Prima di cominciare a scrivere in un gruppo, leggersi il manifesto e le FAQ, e seguire per qualche giorno gli articoli (per capire "che aria tira");
Scrivere sempre l'oggetto dell'articolo, e in maniera chiara (non scrivere mai Aiuto! o simili);
Non rispondere ad un articolo per dire "sono d'accordo." (si spreca solo spazio);
Rispondendo ad un articolo, non riportare integralmente lo stesso, ma solo le parti a cui si risponde (magari scrivendo [CUT] dove si taglia via), sempre per non sprecare spazio;
Non scrivere in maiuscolo (equivale a URLARE, e oltretutto e’ molto meno leggibile).
Torna al sommario
0.3 - La metafora del bar.
Il vecchio paragone del bar funziona sempre.
Se provi a guardare questo newsgroup come un bar capisci quasi tutto: il bar e’ un locale aperto al pubblico, in cui c'e’ gente che passa una volta soltanto per un caffe’ o per fare una telefonata urgente; ma ci sono anche dei frequentatori abituali, gente del quartiere, compagnie fisse, e qualcuno che addirittura vive quasi li’, seduto al suo tavolino di sempre davanti a una birretta piccola.
La gente nuova e’ guardata con interesse e curiosita’, gli habitue’ commentano e pettegolano, e se qualcuno appena entrato si mette a sbraitare perche’ nessuno lo serve all'istante, e magari picchia un pugno sul tavolo e sputa per terra, beh... quelli di sempre borbottano. E qualche testa calda, con tre grappe di troppo nello stomaco e su per la testa, magari lo prende a parolacce, lo afferra per la collottola e gli pianta un bel calcio in culo.
Ma c'e’ anche tanta gente che entra, si siede tranquilla, guarda lo sbronzo di turno che pontifica, ascolta le chiacchiere, abbozza un commentino sorridente, offre un giro di bianchi ai presenti.
E diventa quasi subito uno di quelli di sempre.
Torna al sommario
0.4 - Cosa e’ una FAQ?
FAQ e’ un acronimo per Frequently Asked Questions, cioe’ "domande poste frequentemente". Dato che con la crescita di un newsgroup ci sono domande che tendono a ripetersi, normalmente le risposte a queste domande vengono raccolte per evitare di dire sempre le stesse cose. Quasi tutti i newsgroup hanno una FAQ, che abitualmente, per i newsgroup it.*, viene pubblicata sul gruppo stesso e su un gruppo apposito (it.faq) con una certa regolarita’. E’ norma di buona educazione leggere le FAQ di un newsgroup prima di porre delle domande; le reazioni a chi non segue questa norma dipendono dal tasso di sopportazione dei partecipanti "anziani" ;-)
L'archivio delle FAQ e’ reperibile all'indirizzo
<http://www.faqs.org>[[BR]]Torna al sommario
0.5 - Di cosa parla il newsgroup it.fan.scrittori.tolkien?
Gli argomenti trattati dal gruppo sono raccolti nel manifesto del gruppo. Tutti i gruppi it*. ne hanno uno, e tutti i manifesti si trovano alla pagina
<http://www.news.nic.it/news-it/gruppi-it.html>[[BR]]Ecco il manifesto di it.fan.scrittori.tolkien, presentato da Leonardo Cappelli (info(at)tolkien.it):
A distanza di molti decenni le opere del professore di Oxford rimangono capaci di affascinare e coinvolgere, e il Signore degli Anelli vende decine di migliaia di copie ogni anno senza conoscere flessioni. Il motivo e’ che JRRT ha saputo muovere le corde del Mito e della Tradizione, le "radici profonde che non gelano" che tutti portiamo dentro e che il mondo di Tolkien ci aiuta a riscoprire. Nel gruppo si parlera’ di tutti gli argomenti legati a Tolkien, alla Terra di Mezzo, a cio’ che e’ stato scritto in merito, da qualunque punto di vista (tecnico, contenutistico, saggistico o altro). Si potra’ parlare della diffusione delle opere di Tolkien e della loro traduzione e pubblicazione, in Italia come all'estero. Si potranno fare approfondimenti sul Mito e sulla Tradizione, e su tutte le opere da cui Tolkien ha attinto la linfa della propria ispirazione (Beowulf, Edda, Kalevala solo per fare alcuni esempi). Non si parlera’ di autori fantasy, ne’ di libri fantasy (per questo c'e’ it.arti.fantasy); non si parlera’ di GirSA (usate it.hobby.giochi.gdr). Sarebbe gradito evitare questioni o flame del tipo "xyz e’ meglio di Tolkien": critiche o osservazioni costruttive potrebbero invece dare buoni spunti di discussione.
Torna al sommario
1. VITA E OPERE
1.1 - Chi e’ Tolkien?
John Ronald Reuel Tolkien, nato nel 1892, studioso e docente di Anglosassone per oltre 20 anni all'Universita’ di Oxford e specializzato in dialetto medievale dell'Inghilterra Centro-Occidentale, tradusse molti testi antichi, che ancora oggi vengono utilizzati. Fu artefice di una carriera professionale senz'altro brillante, ma che sicuramente sarebbe stata sconosciuta ai pi¨ se un giorno, sul retro di un compito che stava correggendo non avesse vergato distrattamente: "In un buco della terra viveva uno hobbit". John Ronald Reuel Tolkien e’ famoso in tutto il mondo, i suoi libri sono stati svariate volte ristampati in molte lingue del globo, perche’ ha saputo scrivere una grande saga che ancora oggi riesce a parlare al cuore dei lettori. Un semplice professore universitario, che tranquillamente trascorreva i suoi giorni curando il giardino e facendo crescere i propri figli, nascondeva nella sua penna tutto uno stupendo, affascinante, simbolico mondo a cui, giorno dopo giorno, ha dato vita e soffio, battendo sui tasti della sua vecchia macchina per scrivere. Era uso prendere appunti sui margini dei fogli e su ogni pezzo di carta che gli passasse sotto mano, cosi’ giorno dopo giorno ha creato un racconto grande come una montagna, profondo come un azzurro lago, lieve e fatato come una nebbiosa alba nella foresta. Fin dall'infanzia si e dilettato nel creare linguaggi, crescendo maturando ed apprendendo, ha poi scritto una vera e propria cosmogonia, ha narrato la vita del mondo, dai suoi albori sino al sorgere della nostra Era. Egli amava il suono delle onde dell'oceano che si frangono sulle coste della Cornovaglia, era lieto quando poteva fermarsi un po' a chiacchierare con le vecchie signore, sentiva la vita e la forza che scorrevano sotto le ruvide scorze dei grandi alberi, era un sereno, sorridente, nobile vecchio che, nell'estate 1973, abbandono’ la sua amata campagna inglese per ritirarsi definitivamente all'interno del grande affresco che era andato preparando per tutta la vita, e che adesso si riposa nei grandi boschi della Terra di Mezzo.
Torna al sommario
1.2 - Che cosa ha scritto?
Tralasciando la pur interessante attivita’ di saggista (non possiamo pero’ fare a meno di citare "On fairy stories", un interessantissimo saggio sulle fiabe), le opere di Tolkien si possono dividere in due grandi gruppi:
Racconti vari, solitamente fantastici, spesso pensati per bambini;
Opere sulla Terra di Mezzo (Middle-Earth in inglese).
Alla seconda categoria appartiene ovviamente "Il Signore degli Anelli", l'opera piu’ conosciuta. Ma andiamo con ordine: i racconti di Tolkien pubblicati, in ordine sparso, sono
The Aventures of Tom Bombadil
Mr. Bliss
Smith of Wotton Major
Leaf by Niggle
Father Christmas Letters
Farmer Giles of Ham
Roverandom
Per quanto riguarda invece le opere sulla Terra di Mezzo, che poi e’ il motivo per cui esistono degli appassionati, un newsgroup e una FAQ su Tolkien :-), sono stati pubblicati, durante la vita di Tolkien, due romanzi:
The Hobbit
The Lord of the Rings
Il resto e’ tutto uscito postumo, curato dal figlio Christopher Tolkien riordinando la mole cospicua di appunti lasciata dal padre. La prima opera uscita e’
The Silmarillion
che, pur nella sua "incompiutezza" di fondo, mantiene ancora una trama. Seguono i vari frammenti, ordinati principalmente per argomento, di cui i frammenti piu’ grandi sono usciti come
Unfinished tales of Numenor and Middle-earth
mentre gli altri frammenti si trovano nei 12 libri della History of Middle-earth. Sembra che la pubblicazione si sia fermata al 12░ volume, ma nessuno di noi ci giurerebbe... comunque i titoli sono:
The Book of Lost Tales 1
The Book of Lost Tales 2
Lays of Beleriand
The Shaping of Middle-earth
The Lost Road
Return of the Shadow
The Treason of Isengard
The War of the Ring
Sauron Defeated
Morgoth's Ring
The War of the Jewels
The People of Middle-earth
Per onor di completezza, segnaliamo anche
Letters of J.R.R.Tolkien
raccolta delle lettere scritte da Tolkien a amici, parenti e editori, contenenti moltissimi riferimenti alla Terra di Mezzo e alla sua creazione.
Torna al sommario
1.3 - Quali opere sono state tradotte in italiano?
Sono stati tradotti in italiano e pubblicati tutti i racconti indicati sopra:
Le Avventure di Tom Bombadil
Mr. Bliss
Albero e Foglia, che contiene "Smith of Wotton Major", "Foglia di Niggle" e il saggio "Sulle fiabe" (On fairy stories)
Le Lettere di Babbo Natale
Il Cacciatore di Draghi (Farmer Giles of Ham)
Roverandom
Paradossalmente, non sono state invece tradotte tutte le opere sulla Terra di Mezzo. Piu’ precisamente sono uscite in italiano:
Lo Hobbit
Il Signore degli Anelli
Il Silmarillion
La realta’ in trasparenza (Lettere)
Racconti incompiuti di Numenor e della Terra-di-mezzo.
Per quanto riguarda la History of Middle-Earth, solo i primi due volumi sono stati tradotti in italiano:
Racconti Ritrovati (Book of Lost Tales 1)
Racconti perduti (Book of Lost Tales 2)
Tutti gli appassionati sono in trepida attesa della pubblicazione dei restanti volumi, ma alla data attuale la possibilita’ e’ remota. Chi sa, forse in seguito al film... (vedi 2.1).
Torna al sommario
1.4 - Quali sono le edizioni italiane?
LO HOBBIT
Traduzione di Elena Jeronimidis [Conte][[BR]]- 1973 Adelphi
- 1981 Tascabili Bompiani (su licenza temporanea della Adelphi)
- 1984 Bompiani (su licenza temporanea della Adelphi)
- 2002 Bompiani (cartonata; illustrata da Alan Lee)
LO HOBBIT ANNOTATO DA DOUGLAS A. ANDERSON
Contiene molte note e illustrazioni tratte da edizioni dello Hobbit di tutto il mondo. Traduzione di note e apparati di Grazia Maria [Griffini][[BR]]- 1991 Rusconi
- 1997 Rusconi (edizione in brossura)
- 2000 Bompiani
LO HOBBIT A FUMETTI
Adattamento di Charles Dixon e Sean Deming, illustrazioni di David Wenzel, traduzione di Caterina [Ciuferri][[BR]]- 1997 Rusconi
- 2000 Bompiani
IL SIGNORE DEGLI ANELLI
Traduzione di Vicky Alliata di [Villafranca][[BR]]- 1967 Astrolabio (Brossurata, solo la Compagnia dell'Anello)
A cura di Quirino [Principe][[BR]]- 1970 Rusconi (Cartonata)
- 1974 Rusconi (Brossurata in tre volumi)
- 1977 [Rusconi][[BR]]> Cartonata (copertina di Piero Crida)
> Brossurata (copertina di Piero Crida)
> Brossurata in tre volumi (copertina verde), senza mappa
> Cartonata (copertina rossa)
- 1984 e 1997 Rusconi copertina in pelle, edizione limitata
- 2000 [Bompiani][[BR]]> Cartonata in volume unico
> Cartonata in tre volumi
> Brossurata in volume unico
> Brossurata in tre volumi
Aggiornata e rivista con la collaborazione della [STI][[BR]]- 2003 (cartonata, illustrata da Alan Lee)
- 2004 Brossurata
IL SILMARILLION
Traduzione di Francesco Saba [Sardi][[BR]]- 1978 [Rusconi][[BR]]> Brossurata (stemmi elfici)
> Cartonata (stemmi elfici)
> Brossurata (Morgoth)
- 2000 Bompiani
LA REALTA' IN TRASPARENZA
Traduzione di Cristina de [Grandis][[BR]]- 1990 Rusconi
- 2001 Bompiani
RACCONTI INCOMPIUTI DI NUMENOR E DELLA TERRA DI MEZZO
Traduzione di Francesco Saba [Sardi][[BR]]- 1981 Rusconi
- 2001 Bompiani
RACCONTI RITROVATI
Traduzione di Cinzia [Pieruccini][[BR]]- 1986 Rusconi
- 2000 Bompiani
RACCONTI PERDUTI
Traduzione di Cinzia [Pieruccini][[BR]]- 1987 Rusconi
- 2000 Bompiani
ALBERO E FOGLIA
Traduzione di Francesco Saba [Sardi][[BR]]- 1976 Rusconi
- 2000 Bompiani
IL MEDIOEVO E IL FANTASTICO
Traduzione di Carlo Dona’:
- 2000 Luni
- 2003 Bompiani
ANTOLOGIA DI J.R.R.TOLKIEN
A cura di Ulrike Killer, traduzione dal tedesco di Amina [Pandolfi][[BR]]- 1989 Rusconi
- 2000 Bompiani
LE AVVENTURE DI TOM BOMBADIL
Traduzione di Bianca Pitzorno e Maria Teresa [Vignoli][[BR]]- 1978 Rusconi.
Traduzione di Isabella Muro e Vicky Alliata di [Villafranca][[BR]]- 2000 Rusconi (con testo inglese a fronte)
- 2000 Bompiani (con testo inglese a fronte)
Il CACCIATORE DI DRAGHI, ovverosia GILES L’AGRICOLTORE DI HAM
Traduzione di Camillo [Pennati][[BR]]- 1975 Einaudi.
Traduzione di Isabella [Murro][[BR]]- 1976 Rusconi
- 2000 Mondolibri (su licenza temporanea Rusconi)
- 2003 Bompiani
ROVERANDOM
Traduzione di Francesca Bandel [Dragone][[BR]]- 1998 Rizzoli
LE LETTERE DI BABBO NATALE
Traduzione di Francesco Saba [Sardi][[BR]]- 1980 Rusconi
- 1994 Rusconi (edizione Minibook)
- 2000 Bompiani
MR. BLISS
Traduzione di Francesco Saba [Sardi][[BR]]- 1984 Rusconi
- 2000 Bompiani
IMMAGINI
A cura di Quirino [Principe][[BR]]- 1989 Rusconi
- 2001 Bompiani
Torna al sommario
1.5 - Quale e’ la cronologia delle opere?
La cronologia di pubblicazione delle opere sulla Terra di Mezzo e’ quella indicata nelle precedenti risposte: Lo Hobbit-Il Signore degli Anelli-Il Silmarillion-Racconti Incompiuti-History of Middle-Earth. La collocazione cronologica delle storie all'interno della Terra di Mezzo e’ invece un attimo piu’ complessa. Faremo riferimento alla Cronologia dell'Occidente.
Lo Hobbit e’ ambientato negli 2941-2942 della Terza Era.
Il Signore degli Anelli e’ ambientato (Appendici escluse) dal 3001 al 3021 della Terza Era, anche se la maggior parte della storia si svolge dal 3018 al 3019.
Il Silmarillion copre, con le sue storie, dalla creazione di Arda alla fine della Terza Era. Piu’ precisamente, dei suoi capitoli, L'"Ainulindale" e il "Valaquenta" sono ambientati prima dell'inizio del calcolo degli anni, il "Quenta Silmarillion" nella Prima Era, l'"Akallabeth" nella Seconda Era, "Gli Anelli di Potere e la Terza Eta’" nella Terza Era.
I Racconti Incompiuti e la History of Middle-earth contengono frammenti ambientati in ogni periodo possibile, com'e’ del resto ovvio.
Torna al sommario
1.6 - Si’, ma da dove posso cominciare a leggere Tolkien?
La risposta non e’ univoca. Sicuramente i primi tre libri da leggere sono "Lo Hobbit", "Il Signore degli Anelli" e "Il Silmarillion", ma l'ordine migliore e’ questione dibattuta: soprattutto perche’ ognuno ha la "sua" esperienza, fatta in eta’ e situazioni diverse, e tende a difenderla... diamo un quadretto introduttivo dei tre libri, con l'osservazione che tutto sommato l'ordine puo’ essere una cosa secondaria: l'importante e’ leggerli! ;-)
Lo Hobbit e’ una storia molto scorrevole, che al primo sguardo sembra scritta per bambini (e lo stesso Tolkien se ne rammarico’): ma con il procedere della storia anche il tono cambia piano piano...
Il Signore degli Anelli e’ il libro piu’ venduto e piu’ famoso di Tolkien, e’ un libro "di spessore" (1360 pagine...) ma ben leggibile. La storia narrata e’ lunga, complessa e... bellissima! In qualunque "posizione" lo si legga (per primo, secondo o terzo), e’ il libro della "svolta", quello che trasforma un semplice lettore in un appassionato.
Il Silmarillion racconta storie antiche, narra quelle storie che nel Signore degli Anelli fungono da sfondo "mitologico". E’ solenne, epico, a tratti maestoso, ma sicuramente meno scorrevole degli altri due.
Dopo questi tre, la cosa si fa semplice: Racconti Incompiuti e History of Middle-Earth, con le Lettere interposte a piacere...
Torna al sommario
1.7 - Di cosa parla la "History of Middle-Earth"?
Si tratta, come detto in precedenza, di 12 volumi, di cui riassumiamo qua sotto i contenuti:
1 - The Book of Lost Tales 1
2 - The Book of Lost Tales 2
Storie, leggende e processi creativi che hanno portato alla "cosmogonia" di Tolkien espressa solo in parte nel Silmarillion, e al grande arazzo delle vicende degli Elfi (Noldor in particolare) e delle loro lotte contro Morgoth.
Fanno riferimento al primo "corpus" di storie elaborate da Tolkien e al suo tentativo di raccoglierle in un'opera omogenea e narrativa (dal titolo "La casetta del gioco perduto").
Interessanti per approfondire l'argomento e per capire meglio alcune cose che nel Silmarillion sono lasciate un po' "sospese".
3 - The Lays of Beleriand
4 - The Shaping of Middle-Earth: The Quenta, the Ambarkanta, and the Annals, Together With the Earliest 'Silmarillion' and the First Map
Il terzo volume e’ una raccolta di poemi della TdM scritti da Tolkien (usando vari stili poetici tipici dell'Anglosassone e dell'Old-English), mentre il quarto dovrebbe riguardare il come Tolkien ha sviluppato la TdM, la sua creazione, ecc.
5 - The Lost Road and Other Writings: Language and Legend Before the Lord of the Rings
Un volume "misto", contenente versioni precedenti di "The Fall of Numenor" (scritta durante una sfida con Lewis), gli Annali di Valinor e del Beleriand e le Etimologie (ossia LA fonte primaria di tutti i dizionari Quenya, Sindarin, ecc.).
6 - The Return of the Shadow: The History of the Lord of the Rings, Part 1
7 - The Treason of Isengard: The History of the Lord of the Rings, Part 2
8 - The War of the Ring: The History of the Lord of the Rings, Part 3
9 - Sauron Defeated: The End of the Third Age (The History of the Lord of the Rings, Part 4: The Notion Club Papers and the Drowning of Anadune)
Questi quattro volumi mostrano le varie revisioni a cui e’ stato sottoposto The Lord of the Rings, con episodi poi "tagliati" e personaggi che si sono visti cambiare il nome o addirittura il proprio ruolo e carattere (Barbalbero "cattivo" alleato a Sauron; Maggot ostile; un hobbit di nome "Trotter" che si trasformera’ poi in Strider/Grampasso...); viene delineato anche come il semplice "anello magico" trovato da Bilbo si trasforma progressivamente nell'Unico Anello.
10 - Morgoth's Ring: The Later Silmarillion, Part 1: The Legends of Aman
11 - The War of the Jewels: The Later Silmarillion, Part 2 : The Legends of Beleriand
Si ritorna al Silmarillion con un'analisi della storia e dell'evoluzione dei miti e delle leggende dei Tempi Remoti e delle guerre tra Morgoth e gli Elfi per la riconquista dei Silmarilli. Una sorta di approfondimento del Silmarillion piu’ "per intenditori" che per chi desidera "solo" leggere di altre avventure della TdM.
12 - The People of Middle-Earth
Per chi ha la propensione tutta "hobbitesca" di sbavare su alberi genealogici, ascendenze, parentele, ecc. Contiene anche "The New Shadow" (l'inizio di un mai completato seguito di ISDA) e "Tal-Elmar", la storia dell'arrivo delle navi dei Numenoreani dal punto di vista degli abitanti della TdM.
Torna al sommario
2. IL FILM
2.1 - Quando, da chi e dove sono stati girati i film su "Il Signore degli Anelli"?
Si tratta di tre film, ciascuno relativo ad una parte del romanzo (anche se la suddivisione non e’ del tutto rispettata). I film sono stati girati tutti contemporaneamente in Nuova Zelanda nel 2000, salvo alcune scene di integrazione e correzione girate nel 2001, 2002 e 2003.
La casa di produzione e’ la New Line Cinema e il regista e’ Peter Jackson.
Torna al sommario
2.2 - Quali versioni DVD e VHS esistono e quando usciranno?
Sono/saranno disponibili le seguenti versioni:
La Compagnia dell'Anello
DVD Standard Edition: 2 DVD con versione teatrale del film + extra
VHS Standard Edition: VHS con versione teatrale del film, no extra
DVD Extended Edition: 4 DVD. 2 DVD con versione extended (30 min in piu’) + 2 DVD con extra (diversi rispetto a versione standard)
VHS Extended Edition: 2 VHS. Versione extended del film piu’ extra (diversi e minori rispetto a versione DVD)
DVD Gift edition: 4 DVD. Come l'Extended, con in piu’ statuette degli Argonath.
Le Due Torri
DVD Standard Edition: 2 DVD con versione teatrale del film + extra
VHS Standard Edition: VHS con versione teatrale del film, no extra
DVD Extended Edition: 4 DVD. 2 DVD con versione extended (40 min in piu’) + 2 DVD con extra (diversi rispetto a versione standard)
VHS Extended Edition: 2 VHS. Versione extended del film piu’ extra (diversi e minori rispetto a versione DVD)
DVD Gift edition: 5 DVD, i primi 4 eguali alla Extended, il 5 con documentario sulla statuetta di Gollum, piu’ statuetta di Gollum.
E’ presumibile che anche "Il Ritorno del Re" seguira’ lo stesso schema. Voci di altre edizioni complete, con tutti i film e in edizione ancora piu’ estesa si susseguono ma non hanno per ora trovato conferme.
Torna al sommario
2.3 - Dove posso trovare notizie, informazioni, foto, trailer ecc?
Tutte le informazioni ufficiali si trovano sul sito ufficiale:
<http://www.lordoftherings.net>[[BR]]insieme a tutte le preview.
I siti "non ufficiali" sul film si stanno moltiplicando, in inglese e in italiano: impossibile farne una lista completa.
Due fra i principali sono:
<http://www.tolkienonline.com>[[BR]]<http://www.theonering.net>[[BR]]Nella sezione "links" del nostro sito
<www.imladris.immaginario.net>
ne potete trovare una piccola lista, a sua volta moltiplicabile andando nelle sezioni "links" dei siti stessi.
Torna al sommario
2.4 - Posso scrivere e discutere del film su questo newsgroup? Se no, dove posso farlo?
Le discussioni sul film sono possibili su questo newsgroup, privilegiando pero’ gli aspetti piu’ strettamente connessi al lavoro di Tolkien rispetto a quelli esclusivamente tecnico-cinematografici.
In generale, l'argomento film, pur essendo di grande interesse per una buona parte dei frequentatori, lo e’ molto meno per un'altro cospicuo numero di persone (non dimentichiamo che il newsgroup e’ strettamente tematico e dedicato all'opera di Tolkien).
Se decidi comunque di discutere del film, fallo pure! Ma ricorda di mettere il tag [FILM] nell'oggetto dell'articolo.
Per discutere degli aspetti cinematografici del film, un newsgroup adatto nella gerarchia it.* e’ ovviamente it.arti.cinema. Nella gerarchia free.it.* esiste invece il gruppo dedicato: free.it.cinema.ilsignoredeglianelli.
Esistono infine vari forum, alcuni molto attivi, dedicati quasi esclusivamente al film: con una breve ricerca si possono trovare facilmente.
Torna al sommario
2.5 - E’ il primo film che fanno su "Il Signore degli Anelli"?
No.
Alla fine del 1957 una compagnia cinematografica americana penso’ di fare un film da "Il Signore degli Anelli", e Tolkien stesso ebbe la possibilita’ di leggere e commentare la sceneggiatura (scritta da Morton G. Zimmerman, Forrest J. Ackerman e Al Brodax): un riassunto dei commenti (che furono estremamente critici) e’ riportato nelle Lettere 207 e 210. La trattativa si interruppe.
I diritti per una trasposizione cinematografica furono venduti alla United Artists nel 1969: fu fatto infine, nel 1978, un film a tecnica mista (principalmente cartoni animati). Il produttore era Saul Zaentz, il regista Ralph Bakshi. La prima parte (fino alla Battaglia del Fosso di Helm) e’ uscita in videocassetta in Italia, a cura della Warner Bros, nel 1998.
E’ stato fatto, nel 1979, un film interamente a cartoni animati, dal titolo "The Return of the King", che narra l'ultima parte del romanzo (a partire dall'imprigionamento di Frodo a Cirith Ungol), distribuito anch'esso dalla Warner Bros ma mai uscito in Italia.
Maggiori informazioni sulla vicenda (che coinvolge anche l'animazione giapponese) si trovano a questo indirizzo:
<http://space.virgilio.it/fedgrame/part2_b.htm>[[BR]]Torna al sommario
3. TOLKIEN E POLITICA
3.1 - Quali erano le convinzioni religiose e politiche di Tolkien?
A partire dalla sua pubblicazione, si e’ parlato tanto del messaggio politico trasmesso da "Il Signore degli Anelli" e dallo scrittore Tolkien.
In realta’ si tratta di un falso problema: Tolkien non era un attivista politico, ne’ uno scrittore politico. Egli stesso si oppose ad interpretazioni del genere, ed ebbe a dichiarare che "Il Signore degli Anelli" "non ha intenzioni allegoriche [...] o morali, religiose o politiche" (Lettera 165, "La Realta’ in trasparenza").
Ovviamente - come tutti - anche Tolkien aveva delle idee politiche, ma queste non vanno ricercate nella sua produzione letteraria. L'unico modo in cui e’ forse possibile ricostruirle e’ attraverso la lettura di scritti piu’ personali (e non pubblicati mentre era in vita), come la raccolta delle Lettere (edito in Italia col titolo di "La Realta’ in trasparenza").
Nelle Lettere Tolkien appare innanzitutto come un uomo profondamente cristiano e cattolico. Questa sua visione ispira indubbiamente la sua opera, e dal suo senso religioso discendono anche le sue idee politiche, che mai prendono esplicitamente posizione verso una particolare fazione.
Anzi, nella Lettera 52 Tolkien dichiara che le sue opinioni politiche "inclinano sempre piu’ verso l'anarchia (intesa filosoficamente come abolizione di ogni controllo, non come uomini barbuti che lanciano bombe)". La sua e’ piuttosto insofferenza verso le istituzioni e le organizzazioni concepite, costruite e guidate da uomini su altri uomini.
Nella lettera 154 Tolkien dice poi: "Io non sono un riformatore e nemmeno un "conservatore"! Non sono un riformatore (attraverso l'esercizio del potere) dato che mi sembra si vada sempre a finire nel Sarumanismo. Ma anche "imbalsamare" comporta, com'e’ stato dimostrato, delle punizioni."
Ancora piu’ diffidente e’ il suo atteggiamento - per le medesime ragioni - verso gli uomini di governo: "L'occupazione piu’ inadatta per qualsiasi uomo [...] e’ governare altri uomini. Non c'e’ una persona su un milione che sia adatta e men che meno quelli che cercano di afferrare l'opportunita’" (Lettera 52).
Si tratta quindi di un'anarchia di carattere religioso: il governo sull'uomo e’ un fatto divino. Il governo "umano" sull'uomo finisce sempre nel male.
Allargando il discorso, Tolkien diffida fortemente di tutte le forme di "organizzazione" create dall'uomo, comprendendo in queste anche le istituzioni, gli eserciti e la tecnologia (Lettera 66). Anche alla base di queste affermazioni vi e’ un concetto religioso: e’ la presunzione umana che costruisce diavolerie senza disporre del senno per padroneggiarle; e arrogandosi il potere di "creare", che e’ invece riservato a Dio, mentre all'uomo rimane solo la potenzialita’ della sub-creazione artistica (Lettera 75).
Per questo le sue simpatie vanno a coloro che cercano di sottrarsi agli schieramenti e alle conquiste dell'uomo: agli "staterelli che rimangono neutrali", alla Gallia libera e a Cartagine durante l'Impero Romano. Ed egli stesso dichiara di appartenere "alla parte dei sempre sconfitti mai sottomessi" (Lettera 77).
Torna al sommario
3.2 - Come si poneva Tolkien nei confronti dei regimi politici passati e presenti?
Tolkien non ha mai dichiaratamente appoggiato un partito politico, ne’ una nazione o un'alleanza fra nazioni. Ed in effetti i suoi commenti personali al riguardo sono quasi sempre critici. Alcune lettere (tratte da "La Realta’ in Trasparenza") ne sono esempi illuminanti.
Sul nazismo: Hitler viene citato diverse volte, come un "piccolo ignorante, ispirato da un diavolo pazzo" (Lettera 45), o un "piccolo furfante volgare e ignorante" (Lettera 81). Nella lettera 78 Tolkien afferma che "non c'e’ molta gente cosi’ corrotta da non poter essere redenta" ma ammette l'esistenza di persone "che sembrano incorreggibili a meno di uno speciale miracolo", e che "di queste persone esiste una concentrazione particolarmente elevata in Germania e Giappone".
Su Stalin e il comunismo: Stalin e’ definito come un "vecchio assassino assetato di sangue" (Lettera 53), mentre per quanto riguarda la propaganda comunista Tolkien afferma: "persino i piccoli infelici Samoiedi, temo, hanno cibo in scatola e l'altoparlante del villaggio che racconta le favole di Stalin sulla democrazia e sui fascisti crudeli che mangiano i bambini e rubano i cani da slitta" (Lettera 52).
Sugli USA: Tolkien teme le "manie di massa" introdotte dagli americani, tanto da dubitare che quelle portate dai Soviet possano essere peggiori (Lettera 77). In ogni caso non si ritiene sicuro che "una vittoria americana a lunga scadenza si rivelera’ migliore per il mondo nel suo complesso" (Lettera 53).
Sulla Patria: Tolkien e’ patriota, ma nei confronti della sola Inghilterra, "non la Gran Bretagna e sicuramente non il Commonwealth - grr!" (Lettera 53).
Sulla guerra: della guerra, nonostante i suoi libri ne parlino spesso, Tolkien pensa tutto il male possibile. La guerra "moltiplica per tre la stupidita’ e all'ennesima potenza" (Lettera 61). Anche la guerra "giusta", dal momento che gli capita di commentare "stiamo tentando di conquistare Sauron utilizzando l'Anello" (Lettera 66).
Sul razzismo: la casa editrice tedesca che avrebbe pubblicato Lo Hobbit in Germania chiese a Tolkien se fosse di origine ariana. Tolkien ne fu molto seccato, e fu tentato - pur se in ristrettezze economiche - di "lasciare che la pubblicazione tedesca andasse a quel paese". A questo episodio sono totalmente dedicate le lettere 29 e 30, in cui Tolkien fra l'altro si espresse con parole lusinghiere nei confronti del popolo ebreo, e defini’ la "dottrina della razza" completamente infondata e pericolosa. Ancora: nella lettera 61 scrive di provare orrore per l'apartheid sudafricano. Infine, sul razzismo in generale, la sua parola definitiva si trova nella lettera 81: "i tedeschi hanno lo stesso diritto di definire polacchi ed ebrei vermi da schiacciare, creature subumane, quanto noi di definire cosi’ i tedeschi: e cioe’ nessuno, qualunque cosa abbiano fatto".
Torna al sommario
3.3 - Le regioni della Terra di Mezzo sono paragonabili alle nazioni contemporanee?
E’ indubbio che nei vari "stati" presenti nella Terra di Mezzo si possano riconoscere varie forme di "governo", ma Tolkien ha negato in varie occasioni ogni identificazione "politica" tra Terra di Mezzo e mondo contemporaneo.
Quella che puo’ sembrare l'analogia piu significativa, tra Mordor e U.R.S.S., e’ stata smentita da Tolkien nella lettera 229 ("La Realta’ in trasparenza"): "La localizzazione di Mordor all'est e’ dovuta semplicemente alle necessita’ geografiche del racconto, all'interno del mio sistema mitologico. La fortezza originaria del Male era (come vuole la tradizione) a nord; ma dato che venne distrutta e sepolta sotto il mare, doveva esserci una nuova fortezza, lontana dai Valar, dagli elfi e dalla potenza marinara di Numenor".
Torna al sommario
3.4 - Tolkien in Italia e’ spesso stato indicato come un autore di Destra; perche’?
La risposta piu’ semplice consiglierebbe di ricorrere ad un vecchio principio della fisica classica: chi non ha spazi tende a cercarseli dove qualcun altro e’ disponibile a lasciarli.
Volendo invece cercare una risposta articolata a una domanda che tante controversie continua a suscitare, dobbiamo ritornare per un momento agli anni '70. Fu infatti in quella decade che "Il Signore degli Anelli" giunse in Italia. All'epoca la cultura ufficiale era pressoche’ monopolizzata dal Pensiero Marxista, ovunque circolassero delle idee era di moda un gergo sinistrese di stretta osservanza e il clima politico era decisamente avvelenato: al punto che lo slogan piu’ in voga nelle assemblee scolastiche in quel triste periodo noto come "gli anni di piombo" era "ne’ con lo Stato, ne’ con le BR".
In quel periodo non c'era scampo: tutto DOVEVA essere di Destra o di Sinistra, e in tal senso emblematico era stato un magnifico soliloquio paradossale nel film "Maledetti vi amero’" di M.T. Giordana, in cui si sosteneva che la Doccia era "di sinistra e democratica", mentre il Bagno era "una roba da fasci"... chi timidamente tentava di sottrarsi a questa logica perversa era un piccolo-borghese meschinamente dedito ai propri interessi privati e quindi, coerentemente alla logica dominante, di per se’ reazionario e cripto-fascista. Cioe’: non semplicemente di destra, ma proprio fascista!
Bene: in questo quadro ambientale ecco che piomba sul mercato italiano una storia di un mondo radicalmente "altro" popolato da elfi, draghi, nani, anelli magici e alberi che camminano; come poteva essere accolto dall'Intellighenzia dominante? Male, ovviamente: per il fatto in se’ che trascurasse le realta’ contingenti del quotidiano, che si sottraesse all'analisi del Materialismo Dialettico e che lasciasse affiorare qua e la’ metafore esistenziali che, al di la’ delle sfumature, certamente non facevano presagire la Dittatura del Proletariato e l'Inevitabile Trionfo della Classe Operaia, romanzo ed autore erano in gravissimo sospetto di eresia borghese e reazionaria!
Ad aggravare il tutto giunsero tre elementi decisivi per la Scomunica: il fatto che a pubblicarlo in Italia fosse Rusconi, che il direttore editoriale fosse Alfredo Cattabiani e per giunta con la prefazione di Elemire Zolla, rispettivamente editore, direttore ed intellettuale da tempo bollati come Fascisti. Da cui l'inevitabile anatema.
Ufficialmente bollato ISDA e Tolkien come Fascisti, gli almirantini del MSI, perennemente alla ricerca di un'avallo culturale per le loro azioni, ci andarono a nozze: e fu cosi’ che sul finire degli anni '70 cominciarono a spuntare i "Campi Hobbit", descritti in seguito come happening di animazione estiva o come luoghi di addestramento alla guerriglia urbana (a seconda della parte politica interessata), che inalberavano la bandiera del Fronte della Gioventu’, Ordine Nuovo ed altre aggregazioni poco raccomandabili.
Fu quindi una sorta di "appropriazione indebita", qualcosa di simile a quanto avevano gia’ fatto, su scala molto piu’ vasta, i Nazisti con Wagner negli anni '30 e '40. Solo che, nel caso di Tolkien, l'appropriazione fu resa possibile da snobismo, ignoranza e chiusura ideologica di altri.
Per cui, riassumendo: schematismo ideologico, pressappochismo culturale, volonta’ di "appropriazione culturale" da parte di gentaglia senza scrupoli hanno fatto si’ che Tolkien fosse bollato come Fascista, e oggi addirittura come Naziskin: lui, che aveva odiato i Nazisti come ogni Inglese trovatosi sotto i bombardamenti tedeschi del '40-'41 e, per giunta, con un figlio sotto le armi!
E, si badi: principalmente qui da noi, in Italia, il paradiso della dietrologia e del provincialismo culturale. Viceversa, in America negli anni '60 a Tolkien era capitato addirittura di essere il paladino dei contestatori anti-intervento in Vietnam; tant'e’ vero che le T-shirt con la scritta "Frodo Lives" e le scritte "Another Brick in Mordor" sui muri delle caserme risalgono appunto a quel periodo.
Questi sono i paradossi occorsi a un autore al quale gli schematismi culturali e gli steccati ideologici sono sempre andati stretti: Tolkien e’ stato un Cattolico di stretta osservanza in terra anglicana, quindi con tutti i complessi di chi vive la sindrome della fortezza assediata: ma non ha mai avuto a che fare con degenerazioni razziste e ideologie devianti. Tolkien ha sempre volato molto piu’ alto dei suoi detrattori: e anche, per quanto ci possa dispiacere constatarlo, di molti tra i suoi fans.
Torna al sommario
4. LINKS
4.1 - Esistono grammatiche e vocabolari delle lingue elfiche?
Esistono molti siti in cui si possono reperire, ma i piu’ completi sono tutti in inglese (di Ardalambion esiste pero’ anche la versione italiana, vedi sotto).
Ci sembra anzitutto degno di nota il lavoro di un partecipante al newsgroup, Tarabas, che ha scritto e messo a disposizione una Grammatica Sindarin e un Dizionario Sindarin, nella sezione Terra di Mezzo.
Gli stessi saggi si possono trovare anche sul mirror italiano di Ardalambion (vedi sotto) e su
<http://www.eldalie.it>[[BR]]Nella sezione Links del sito del NG alla voce Lingue di Arda trovate poi un elenco di URL di interesse. Eccone alcuni:
Il piu’ completo Ŕ sicuramente [Ardalambion][[BR]]<http://move.to/ardalambion>
che ha anche un mirror italiano:
<http://immaginario.net/ardalambion/ardalambion/indice.htm>
Questa e’ la homepage degli scandinavi del Mellonath [Daeron][[BR]]<http://www.forodrim.org/daeron/md_home.html>
Questo e’ il sito dei polacchi della Gwaith-i-[Pethdain][[BR]]<http://www.elvish.org/gwaith>
Qui si trova l'ottimo dizionario Sindarin in inglese di Didier [Willis][[BR]]<http://www.geocities.com/almacq.geo/sindar/index.html>
Qui si trovano vari link:
<http://www.geocities.com/Athens/Parthenon/9902/langinfo.html>
Qui si trova di tutto, dalla grammatica ai vocabolari:
<http://www.geocities.com/Athens/Parthenon/2196/>
Qui si possono trovare le pronunce:
<http://www.dcs.ed.ac.uk/misc/local/TolkLang/pronmid/pronguide.html>
Qui si trovano i fonts di Dan Smiths per le tengwar:
<http://www.geocities.com/TimesSquare/4948/>
Qui si trova un utile programma per scrivere con le tengwar (YaTT):
<http://www.jadro.cz/tengwar/index.php>
Torna al sommario
4.2 - Dove posso trovare immagini tratte dalle opere di Tolkien?
Questi qui sono alcuni siti molto completi:
<http://fan.theonering.net/rolozo/>
<http://www.nightrunner.com/cgi-bin/index.pl>
<http://www.lordoftherings.it>
<http://www.edoras-art.de/index3.htm>
Torna al sommario
4.3 - Dove posso trovare mappe relative alle opere di Tolkien?
I libri di Tolkien ambientati nella Terra di Mezzo hanno quasi tutti delle Mappe sulle quali seguire gli avvenimenti: ci sono mappe nello Hobbit, nel Silmarillion, nei Racconti Incompiuti, nel Signore degli Anelli. Nelle edizioni italiane del Signore degli Anelli pero’ mancano alcune mappe che invece compaiono nelle edizioni inglesi: quella della Contea e quella particolareggiata di Gondor. Inoltre nelle edizioni italiane del SdA in tre volumi separati non e’ allegata alcuna mappa (la Bompiani a domanda ha risposto: "Nei tre tascabili non c'e’ per scelta editoriale e anche per esigenze produttive").
Esistono pero’ alcune "mappe ornamentali" vendute separatamente, che possono colmare la lacuna dei tre volumi: sono abbastanza facilmente reperibili "La Mappa della Terra di Mezzo di Tolkien" e "La Mappa del Silmarillion di Tolkien", entrambe disegnate da Luca Michelucci con alcuni saggi di Paolo Gulisano e pubblicate da Bompiani.
Altre due pubblicazioni molto interessanti sono:
"I Viaggi di Frodo" di Barbara Strachey (edito da Rusconi, non sappiamo se Bompiani l'ha ripubblicato o se abbia intenzione di farlo), che contiene 51 tavole con mappe della Terra di Mezzo che seguono l'itinerario di Frodo e della Compagnia;
"L'atlante della Terra di Mezzo di Tolkien" di Karen Wynn-Fonstad (edito da Rusconi e ripubblicato da Bompiani), con carte geografiche che coprono tutta Arda per le Tre Ere.
L'unica mappa di Numenor "ufficiale" e’ quella pubblicata al'interno dei Racconti Incompiuti.
Per quanto riguarda il resto della Terra di Mezzo esiste ben poco, al massimo qualche schizzo contenuto nella HoME che per lo piu’ si riferisce a stadi molto antichi dell'evoluzione della TdM.
Esistono in effetti altre mappe, in particolare quelle del gioco GiRSA, che contengono "tuttta la Terra di Mezzo", comprese le regioni meridionali ed orientali; il fatto che queste mappe si fregino della scritta "approvato dalla Tolkien Estate" non deve pero’ trarci in inganno: sono da considerarsi assolutamente inattendibili, in quanto completamente inventate (e non da Tolkien), anche se in alcuni casi sono esteticamente piacevoli.
In rete si trovano facilmente siti interi completamente dedicati alle mappe tolkieniane. Ecco alcuni link (ma con una breve ricerca se ne trovano molti altri):
<http://lotrmaps.middle-earth.us/>
<http://www.jrrtolkien.org.uk/lotrmaps.htm>
<http://www.glyphweb.com/arda/default.htm>
<http://www.signoredeglianelli.org/mappe.asp>
<http://www.casaconforti.net/disegni/disegni.htm>
<http://www.geocities.com/tensen_vil/rpg.html>
Torna al sommario
5.I FESTOSI
5.1 - Chi sono I FeSTosi?
I FeSTosi (con le lettere maiuscole posizionate come adesso) sono tutti i partecipanti al newsgroup
It
Fan
Scrittori
Tolkien
Torna al sommario
5.2 - Come si fa a diventare FeSTosi?
In senso lato, possono definirsi FeSTosi tutti quelli che partecipano al newsgroup it.fan.scrittori.tolkien. La posizione di chi lurka solamente e’ piu’ dibattuta ;-)
In senso stretto, un FeSToso che si rispetti compila la scheda che trova sul sito (vedi 5.4), in modo da:
1) fornire qualche notizia su di se’ e sui suoi interessi;
2) ricevere il numero FeSToso (vedi 5.3).
Torna al sommario
5.3 - Cosa sono i numeri FeSTosi?
Chi compila la scheda e la invia agli amministratori del sito (vedi 5.5) riceve il numero FeSToso, che ordina progressivamente i partecipanti al newsgroup.
Il tempo di assegnazione del numero FeSToso varia secondo una legge totalmente casuale (che null'altro e’ se non la disponibilita’ dei webmasters). In genere Ŕ inutile sperare di riceverlo prima di 2-3 mesi.
L'orgoglio di poter sfoggiare un numero FeSToso nella propria sign e’ indubbio, l'utilita’ oscilla tra il nulla e lo zero :-)
Torna al sommario
5.4 - I FeSTosi hanno un proprio sito "ufficiale"?
Esiste un sito di riferimento ed e’ "Imladris: l'Ultima Casa Accogliente". Il sito e’ ospitato dal server

del circuito italiano gilda.it. Potete trovare Imladris all'indirizzo www.imladris.immaginario.net
Vi ricordiamo che Imladris e’ il sito di riferimento per il newsgroup it.fan.scrittori.tolkien e non il sito della Societa’ Tolkieniana Italiana, che potete invece visitare all'indirizzo indicato nei ringraziamenti all'inizio della FAQ. I responsabili di Imladris ringraziano tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del sito: i webmasters di http://gilda.it e www.immaginario.net ed in particolare Piermaria Maraziti per la cortese e paziente disponibilitÓ dimostrata, ed ovviamente tutti I FeSTosi che hanno contribuito o contribuiranno con i loro interventi.
Torna al sommario
5.5 - Quali sono i contenuti del sito?
Il sito e’ dedicato al materiale direttamente o indirettamente inerente a J.R.R.Tolkien raccolto da "I FeSTosi" (gli iscritti al newsgroup it.fan.scrittori.tolkien). Troverete tanto contributi realizzati autonomamente dai FeSTosi quanto riferimenti a materiale disponibile in rete o con altro mezzo. Non troverete invece informazioni riguardo ai film ispirati al Signore degli Anelli (sezione 2 di questa FAQ). Chi di voi fosse interessato a collaborare puo’ farlo contattando gli amministratori del sito all'indirizzo di posta (imladris(at)immaginario.net).
Vi invitiamo cortesemente a non inviare attachment senza aver contattato preventivamente gli amministratori del sito.
Vi ricordiamo che i formati pi¨ opportuni per inviare documenti testuali sono .RTF o .TXT compressi in .ZIP, allegati ad una e-mail come attachment (per problemi di impaginazione, evitate di inviare testi lunghi direttamente in mail); raccomandiamo inoltre di evitare l'uso di fonts incoerenti con la veste grafica di Imladris.
Chi desideri segnalare un URL di interesse e’ pregato di allegare poche righe di commento descrivendo succintamente le caratteristiche rilevanti del sito in questione (contenuti, velocita’, interfaccia grafica ecc.).
Torna al sommario
5.6 - Esiste una chat IRC deI FeSTosi?
Si’, esiste il canale #numenor.
#numenor e’ il luogo di ritrovo di molti FeSTosi. Lo si puo’ raggiungere scaricando l'apposito programma (mIRC) su http://www.mirc.com e collegandosi con il server di Azzurra.
Basta scrivere questo comando: "/server azzurra.org" per collegarsi al server di Azzurra; a questo punto, per trovarci non dovrete far altro che digitare il comando "/join #numenor".
Per chi non vuole scaricare un programma esistono anche comodissime chat java (cioe’ utilizzabili direttamente dal browser).
Questo e’ l'indirizzo della nostra chat sul sito di [Azzurra][[BR]]<http://www.azzurra.org/chateirc.php?alt_channel=numenor>[[BR]]Mentre questo e’ l'indirizzo sul nostro sito:
<http://www.imladris.immaginario.net/risorse/i_festosi/canaleirc.htm>[[BR]]Tutti gli indirizzi e le istruzioni date finora conducono, beninteso, alla stessa stanza di chat...
Scopo di questa chat e’ conoscere meglio i partecipanti del ng e darne la possibilita’ anche a chi non puo’ partecipare spesso ai raduni; per questo motivo, piu’ o meno una volta al mese si organizza un raduno virtuale che viene annunciato di volta in volta sul newsgroup.
Nella chat si parla di tutto, ma soprattutto si scherza per alleviare le fatiche della giornata trascorsa... non e’ obbligatorio parlare di Tolkien, anzi a dirla tutta non se ne parla quasi mai.
C'e’ gente collegata a tutte le ore del giorno e della notte: i picchi li raggiungiamo di solito la sera dalle 20.30 alle 23.00, ma anche la mattina c'e’ un discreto movimento.
L'importante e’ che i frequentatori della chat siano rispettosi ed educati: non cercate di fare giochetti stupidi perchŔ verrete immediatamente espulsi.
Entrate con il nick usato nel ng e registratelo digitando questo comando: "/ns register password email", mettendo al posto della parola "password" la password che volete e al posto di "email" la vostra casella email (che deve essere valida!).
In questo modo potrete essere sicuri che nessuno utilizzi il vostro nick e potrete ricevere lo stato di operatore dal ChanServ una volta addati.
Buon divertimento!
Torna al sommario
6. QUESTIONI TOLKIENIANE
6.1 - A che razza appartiene Tom Bombadil?
L'unica cosa certa e’ che... non esiste una risposta certa. Tolkien parla di questo nella lettera 153 ("La Realta’ in Trasparenza"), suggerendo di "non filosofeggiare troppo su Tom" e dicendo che Goldberry (Baccador) da’ quella che forse e’ l'unica risposta giusta:
"He is" (Lui e’).
Tuttavia Il dibattito va avanti sul gruppo dalla sua creazione (con maggiore o minore intensita’) e probabilmente non si esaurira’: chi e’ interessato alle varie opinioni fin qui espresse puo’ dare un'occhiata agli archivi:
<http://groups.google.com/advanced_group_search>[[BR]]Vogliamo segnalare soltanto tre articoli in merito, che, lungi dal trovare una soluzione (che come gia’ detto sicuramente non esiste), analizzano le ipotesi piu’ frequenti in maniera chiara. Pur essendo anche questi articoli solo opinioni, meritano un'occhiata: sono l'articolo intitolato "Ancora su Tom Bombadil" del 29/04/2000 h.19:03, la risposta a questo articolo, del 30/04/2000 h.08:24, e l'articolo "Re: Ancora su Tom Bombadil (e sui sogni)..." del 18/10/2001 h.10:40. Gli indirizzi su Google di questi articoli sono:
<http://groups.google.com/groups?as_umsgid=384173b5.0%40news.megasys.it>[[BR]]<http://groups.google.com/groups?as_umsgid=390bd14b.3118225%40news.openaccess.it>[[BR]]<http://groups.google.com/groups?as_umsgid=3bce95f1.11653196%40news.tin.it>[[BR]]Torna al sommario
6.2 - A che razza appartengono gli Orchi/Orchetti?
La questione e’ molto complessa.
Nei libri pubblicati durante la vita di JRRT, poco o nulla viene detto; ne "Il Signore degli Anelli" Frodo dice:
"No, mangiano e bevono, Sam. L'Ombra che li allevo’ sa solo disfare, non sa fare, creare cose nuove da sola. Non credo che abbia generato gli ORchetti; non fece che rovinarli e depravarli [...]" (pagina 1093, edizione Rusconi).
Nelle Lettere (pubblicate in Italia con il titolo "La Realta’ in Trasparenza") compaiono molte osservazioni sull'argomento, tra le quali segnaliamo la seguente (Lettera 153, pagina 221 edizione Rusconi):
"Ho raffigurato gli Orchi come esseri reali preesistenti su cui il Signore delle Tenebre ha esercitato in pieno il suo potere modificandoli e corrompendoli, non creandoli."
Dunque l'unica cosa certa sembra essere che gli Orchi/Orchetti non sono una razza a se’ stante.
Ne "Il Silmarillion", illuminante sembrerebbe essere un passo (pagina 55 dell'edizione italiana Rusconi):
"Pure, questo e’ tenuto per vero dai sapienti di Eressea, che tutti coloro dei Quendi che caddero nella mani di Melkor, prima che Utumno fosse distrutto, vi furono imprigionati e, per mezzo di lente arti crudeli, corrotti e resi schiavi; e cosi’ Melkor origino’ l'orrenda razza degli Orchi, a invidia e scherno degli Elfi, dei quali in seguito furono i piu’ accaniti avversari. Gli Orchi infatti vivevano e si moltiplicavano a mo' dei Figli di Iluvatar[...]."
Al di la’ dell'impostazione "dubitativa" della frase (e’ tenuto vero), bisogna pero’ ricordare che "Il Silmarillion" e’ un'opera postuma, messa insieme e pubblicata da Christopher Tolkien, e dunque non si puo’ avere la certezza che si tratti della concezione definitiva di JRRT.
Leggendo la "History of Middle-earth", in particolare i volumi X, XI e XII si possono trovare i vari approcci di JRRT al problema, e i vari abbozzi di soluzione.
Premettendo che le varie soluzioni di Tolkien sono spesso in contraddizione e che quindi non esiste una risposta definitiva, qui si trova un articolo che analizza in maniera interessante le varie possibilita’:
<http://groups.google.com/groups?as_umsgid=c182itc975ojkon57krjlgmgt5r4mnnfta@4ax.com>[[BR]]Torna al sommario
6.3 - L'Erba-pipa e’ comune tabacco oppure...?
L'Erba-pipa e’ comune tabacco. Si veda il Prologo de "Il Signore degli Anelli":
"certe foglie che chiamavano erba-pipa o foglia-pipa e che probabilmente erano una varieta’ di quella che noi chiamiamo Nicotiana."
Inoltre in vari punti sia de "Lo Hobbit" che de "Il Signore degli Anelli" viene usata la parola esplicita "tabacco" ("tobacco") per definire l'Erba-pipa.
Eventuali osservazioni di tipo "storico" (il tabacco arriva in Europa dopo il 1492) si inquadrano in un discorso di relazione tra la Terra di Mezzo e il nostro mondo che e’ molto complesso e non risolto (da Tolkien per primo).
Torna al sommario
6.4 - "Il Signore degli Anelli" e’ una trilogia?
No.
"Il Signore degli Anelli" e’ un romanzo unico, suddiviso in SEI libri, che per ragioni puramente editoriali e’ stato pubblicato in tre parti. La pubblicazione forzata in tre parti ha avuto alcune conseguenze, fra le quali il fatto che esistono titoli per le tre parti, ma non per i sei libri (almeno non ne esistono di ufficiali e definitivi, anche se ci sono alcune proposte che pero’ alla fine Tolkien ha scartato).
Tolkien ha scritto molto chiaramente nella lettera 166 ("La Realta’ in Trasparenza"): "Il libro naturalmente non e’ una 'trilogia'"; tuttavia poi nella lettera 252 ("La Realta’ in Trasparenza") Tolkien fa riferimento al libro come "la mia trilogia".
Quindi la dizione "trilogia", anche se non e’ corretta, non e’ neanche sbagliata; solo un po' irritante.
Torna al sommario
6.5 - Quali sono le "due torri" che danno il titolo alla seconda parte?
Anche in riferimento alla risposta precedente (6.4), si tratta per certi versi di un titolo "provvisorio", e come tale mantiene una certa ambiguita’, non risolta nemmeno dallo stesso Tolkien.
Nella raccolta delle lettere ("La Realta’ in Trasparenza") si trova infatti:
Lettera 140, 17 agosto 1953 (pagina 194): "Le due torri e’ il tentativo piu’ riuscito di trovare un titolo che comprenda i libri 3 e 4 che sono cosi’ diversi; e puo’ essere lasciato ambiguo - potrebbe riferirsi a Isengard e Barad-dur, o a Minas Tirith e B.; oppure a Isengard e Cirith Ungol."
Lettera 143, 22 gennaio 1954 (pagina 197): "Non sono molto felice del titolo "Le due torri". Deve riferirsi, se esiste un vero riferimento, a Orthanc e alla torre di Cirith Ungol. Ma dato che si parla cosi’ tanto dell'opposizione tra la Torre Nera e Minas Tirith, tutto diventa confuso. In realta’, naturalmente, non c'e’ nessun vero legame fra i Libri III e IV, se staccati e presentati come volumi separati."
Torna al sommario
6.6 - Che differenza c'e’, nelle opere tolkieniane, tra "Elfi" e "Gnomi"?
Tolkien usa, in tutto "Il Signore degli Anelli", esclusivamente il termine "Elf" (plurale "Elves") per parlare degli Elfi.
Tolkien ha effettivamente usato il termine "Gnomes" nei Racconti Perduti e Racconti Ritrovati come sinonimo di "Noldor", ma quando pubblico’ "Il Signore degli Anelli" aveva gia’ cambiato idea, e degli Gnomi non c'e’ piu’ traccia (tranne che in un passo dell'Appendice F, che pero’ non fu pubblicato, e che e’ contenuto nella "History of Middle Earth").
Diversa, ma analoga, la questione per quanto riguarda la traduzione italiana: quando Vicky Alliata di Villafranca tradusse "Il Signore degli Anelli" per la casa editrice Astrolabio-Ubaldini ("La Compagnia dell'Anello", primo e unico volume uscito per quella casa editrice, e’ del 1967, dunque si puo’ supporre che la traduzione sia antecedente di diversi mesi) uso’ ovunque il termine "Gnomi" per tradurre l'inglese "Elves".
Quirino Principe, nella sua opera di curatore dell'edizione Rusconi, fece sostituire "Gnomi" dal piu’ corretto "Elfi".
Nelle edizioni italiane fino ad oggi, tuttavia, ci sono un paio di punti in cui una svista dei correttori ha lasciato "Gnomi" e "gnomico".
Torna al sommario
6.7 - Perche’ Frodo parte? Dove va?
Dopo aver concluso la sua missione, Frodo riacquista la pace e torna ad essere di nuovo se stesso: prova la gioia per il mondo rinnovato, senza piu’ paure, e desidera tornare nella Contea, nella speranza di ritrovare la serenita’ di una volta.
Tuttavia con il passare del tempo si rende sempre piu’ conto del profondo cambiamento che e’ avvenuto in lui durante il viaggio. Del resto Gandalf, gia’ dopo la ferita del pugnale Morgul, aveva intuito che questo era inevitabile.
Il distacco "mentale" di Frodo dalla Terra di Mezzo si comincia ad intravedere ancora prima della partenza da Gondor. Durante i festeggiamenti al Campo di Cormallen accetta di portare la spada molto a malincuore, e sicuramente il dono di Arwen non e’ senza fondamento. Durante la permanenza a Imladris Frodo e’ gia’ pienamente consapevole del proprio malessere: ha parlato con Elrond e oramai sa che, se il peso diventa insostenibile, puo’ scegliere una strada che potra’ lenire le sue sofferenze. Al ritorno nella Contea, abbandona a poco a poco tutte le attivita’. Sta male negli anniversari delle due ferite: il 13 marzo e’ il veleno di Shelob, il 6 ottobre il pugnale Morgul. C'e’ anche la terza ferita, quella inflitta dall'Anello stesso: Frodo continua a desiderarlo. Non abbandona mai la pietra bianca dono di Arwen, un "lenitivo" per il ricordo della paura e dell'oscurita’.
Si puo’ immaginare che in lui cresca anche l'ingiustificato senso di colpa per non essere riuscito a distruggere lui l'Arma del nemico ("La Realta’ in Trasparenza", Lettera 246).
Alla fine lo vediamo partire. Frodo stesso riassume a Sam il proprio stato d'animo: "Sono stato ferito troppo profondamente, Sam. Ho tentato di salvare la Contea, ed e’ stata salvata, ma non per me(*)". Dice Tolkien: "Frodo [...] ebbe il permesso di andare oltre il mare per guarire - se questo era possibile, prima che morisse. Comunque, avrebbe dovuto 'passare': nessun mortale poteva, o puo’, fermarsi sulla terra per sempre[...]. Cosi’ ando’ verso il purgatorio ma contemporaneamente verso la ricompensa, per un po': un periodo di riflessione e di pace, per conquistare una consapevolezza piu’ vera della sua posizione, trascorso nel tempo in mezzo alle bellezze naturali di 'Arda Unmarred'(**), la terra che non e' guastata dal male." ("La Realta’ in Trasparenza", Lettera 246). Per approfondire l'argomento, e’ consigliata la lettura integrale della Lettera 246 ("La Realta’ in Trasparenza"). Per sapere di piu’ sulla terra dove e’ diretto Frodo, e’ consigliata la lettura di "Il Silmarillion".
(*) Nell'originale "not for me", in italiano tradotto troppo liberamente come "non per merito mio".
(**) Si potrebbe tradurre come "Arda Incorrotta".
Torna al sommario
7. ARGOMENTI VARI
7.1 - Dove posso trovare versioni "elettroniche" delle opere di Tolkien?
E’ necessaria una premessa. Le opere di Tolkien sono coperte da copyright, e dunque la loro pubblica diffusione (come appunto avviene su Internet) e’ illegale a meno di aver pagato i diritti d'autore. La posizione di chi mette in Rete tali opere e’ percio’ con tutta probabilita’ fuorilegge, e il fatto che, cercando, spesso si finisce su siti russi la dovrebbe dire lunga in merito. Per quanto riguarda la posizione dell'utente finale, e’ piu’ complessa. Se si possiede un testo (cioe’ se si e’ acquistato un libro pagando con cio’ i diritti d'autore) e si utilizza per usi personali (cioe’ in soldoni si legge), si ha il diritto di farne una copia, anch'essa per uso personale: il fatto che tale copia possa essere "elettronica" non cambia il discorso. La complicazione arriva dal fatto che noi questa copia la scarichiamo dalla Rete, e dunque non la facciamo noi; il fatto infine che possa essere tecnicamente impossibile distinguere le due cose non aiuta a fare chiarezza. Cio’ detto, e lasciando quindi ad ognuno la responsabilita’ totale delle proprie azioni, segnaliamo che di solito si riescono abbastanza facilmente a trovare siti dove trovare e-text di Tolkien (che hanno pero’ spesso vita breve, guarda caso). E’ sufficiente una ricerca con argomento "e-text" sui motori piu’ comuni, oppure su
<http://groups.google.com/advanced_group_search>[[BR]]Qualche indirizzo viene dato ogni tanto sul nostro newsgroup, oppure su rec.arts.books.tolkien; tenete pero’ conto che probabilmente proprio la "pubblicazione" di un indirizzo accelera la chiusura del sito. Eventualmente tali informazioni potrebbero essere scambiate in mail privata: beninteso, al solo scopo di evitare che tali siti siano visitati per errore...
Torna al sommario
7.2 - Esiste un archivio degli articoli del newsgroup?
Google, attualmente, ha archiviato tutti gli articoli di tutti i newsgroup delle gerarchie principali dal 1995 a oggi, e consente ricerche con diverse chiavi. L'indirizzo e’
<http://groups.google.com/advanced_group_search>[[BR]]Su Imladris, il nostro sito (vedi 5.4), stiamo cercando di archiviare tutti gli articoli, attualmente suddividendoli per mese. Chi non volesse far comparire in questo archivio i propri articoli, dovra’ segnalarlo agli amministratori del sito, all'indirizzo (imladris(at)immaginario.net), che provvederanno (compatibilmente con i propri impegni) alla cancellazione degli articoli dall'archivio.
Torna al sommario

[Cronologia][[BR]]V. 3.7 (04/03/2004) - aggiunta 6.7
V. 3.6 (08/02/2004) - eliminata 2.2, trasformate 2.3 in 2.2, 2.4 in 2.3, 2.5 in 2.4, 2.6 in 2.5, modificate 1.4, 2.2 e 4.3
V. 3.5 (04/11/2003) - eliminata 2.2, trasformata 2.1 e divisa in due (2.1 e 2.4), modificata 2.3 e trasformata in 2.6, aggiunte 2.2, 2.3, 2.5
V. 3.4 (01/05/2003) - modificate 1.7, 3.4, 4.1, aggiunte 4.3 e 6.6
V. 3.3 (19/12/2002) - aggiunta 6.5, modificate 5.6 e 2.3
V. 3.2 (20/07/2002) - modificata 4.2, aggiunte 5.6 e 6.4
V. 3.1 (15/03/2002) - corretta 1.2, trasformata 1.4 in 1.5, 1.5 in 1.6, 1.6 in 1.7. aggiunta 1.4, trasformata sezione 6 in sezione 7, aggiunta sezione 6, trasformata 7.1 in 6.1, aggiunte 6.2 e 6.3, trasformata 7.2 in 7.1, 7.3 in 7.2
V. 3.0 (18/12/2001) - trasformata sezione 3 in sezione 4, sezione 4 in sezione 5, sezione 5 in sezione 6, modificati riferimenti interni alle varie risposte, modificata 6.1 e 4.1, inserita sezione 3
V. 2.8 (13/09/2001) - aggiunta 0.3 e 2.2, trasformata 0.3 in 0.4, 0.4 in 0.5, 2.2 in 2.3, modificata 2.1
V. 2.7 (19/08/2001) - modificata 1.3, 2.2
V. 2.6 (17/05/2001) - aggiunta 5.3
V. 2.5 (09/05/2001) - modificata 3.2, 5.1, 5.2
V. 2.4 (21/01/2001) - aggiunta 5.2, modificata 3.1, modificato disclaimer
V. 2.3 (05/12/2000) - aggiunta 1.6
V. 2.2 (31/10/2000) - corretta 2.2, modificato 3.1, modificato nome sezione 4, modificate 4.1 e 4.2 e trasformate in 4.4 e 4.5, aggiunte 4.1, 4.2 e 4.3
V. 2.1 (23/09/2000) - corretta 3.1
V. 2.0 (23/08/2000) - corretta 2.1, 2.2, trasformata sezione 4 in 5, aggiunta sezione 4 (4.1 e 4.2)
V. 1.2 (23/07/2000) - corretta 0.3, 1.2, 1.3
V. 1.1 (20/06/2000) - corretta 2.2
V. 1.0 (04/06/2000) - pubblicazione "ufficiale" su it.faq; aggiornata 3.1 e 4.1
V. 0.2 beta (26/05/2000) - aggiunte sezione 0 e 4, corretta 1.1, 1.2, 1.3 e 3.2 (trasformata in 4.1), modifica nome sezione 3, completata 3.1, aggiunta 3.2
V. 0.1 beta (22/05/2000) - creazione della FAQ